Gli esseri umani usano 3 tipi di espressioni per comunicare la paura, 5 per la tristezza e la rabbia, mentre per il disgusto ne basta una1.

Mostrare la felicità nelle sue varie sfumature (dall’allegria al piacere) ci consente invece di utilizzare 17 espressioni facciali, anche se con piccole sfumature come l'ampiezza del sorriso o la profondità delle rughe intorno agli occhi.

Ora la scienza ci dice che l’espressione visiva delle emozioni coinvolge il nostro cervello che reagisce ai messaggi che percepisce dall’esterno (una persona vi viene incontro sorridendo) oppure gli state inviando sorrisi attraverso lo specchio.

Allora provate a mettervi davanti a uno specchio e incominciare a fare delle ‘facce felici’. All’inizio, lo ammetto, vi sentirete un po' sciocche ma se passate questa prima impressione (dura circa 20 sec…) e insistete, vi accorgerete come è difficile avere pensieri negativi mentre si sta sorridendo.

Mettetevi davanti allo specchio, cominciate a sorridere a bocca aperta, labbra tirate. Alzate le sopracciglia come una meraviglia felice, poi alzate le spalle, trattenete il respiro e fate un grande sospiro facendo scendere di nuovo le sopracciglia e le spalle. Poi chiudete la bocca e sorridete lo stesso, ampliando la larghezza delle labbra, provate ad alzare un po' le sopracciglia. Cercate espressioni diverse, provate a ridere con bocca aperta, gli occhi diventano due fessure e la mascella si tira. Poi chiudete la bocca ma in modo che si vedano i denti, di nuovo sù le sopracciglia e le spalle, un bel respiro, trattenete qualche secondo e poi lasciate andare con un bel sospiro continuando a sorridere.

Inventatevi delle nuove facce felici, provate a ruotare il volto e con lo sguardo tenete il centro dello specchio, provate a sorridere e vedete come cambia l’espressione che diventa furbetta. Oppure la meraviglia felice: spalancate gli occhi e sorridete con la bocca non troppo larga ma un po' aperta.

Abbiamo 17 espressioni da sperimentare, provate a farne il più possibile. Vi sono attori come Jim Carrey che hanno fatto la loro fortuna utilizzando più espressioni del volto possibili.

   

   1    Ohio State University

TORNA SU